Mappatura delle competenze meccatroniche in Italia 2016

Mappatura delle competenze meccatroniche in Italia 2016

Nell’ambito della conferenza stampa di presentazione dei Partner e dei progetti 2017 Messe Frankfurt Italia, sono stati presentati i risultati dell’Osservatorio "Mappatura delle competenze meccatroniche in Italia 2016".

L’edizione di quest’anno della mappatura delle competenze, promossa da ANIE Automazione e Messe Frankfurt Italia, e affidata al Prof. Giambattista Gruosso del Politecnico di Milano, si è posta in continuità con la precedente con l'obiettivo di studiare ed analizzare l’andamento del comparto dal punto di vista delle tecnologie abilitanti, e guardare le innovazioni delle aziende coinvolte in ottica di Industria 4.0 e di Smart Factory.

Le tecnologie sono state analizzate nei loro aspetti chiave e nello stesso tempo sono state studiate  in relazione alla capacità di generare valore aggiunto. A questo si sono affiancate due sezioni nuove: una rivolta all’analisi dei fattori acceleranti e frenanti della trasformazione dell’Industria 4.0 e l’altra rivolta alle startup e PMI innovative analizzando il loro ruolo strategico. 

Quello che emerge per il territorio analizzato (le provincie di Modena, Parma, Reggio Emilia e Bologna)  è molto ricco e variegato, ed ospita un tessuto di aziende ad alta vocazione tecnologica e di innovazione, insieme ad una forte componente di settori tradizionali. Le aziende sono di dimensioni diverse ed emerge una forte attenzione al processo aziendale e all’innovazione di fabbrica nelle grandi imprese, mentre è il prodotto il centro dell’innovazione nelle imprese di medie e piccole dimensioni.

I risultati mostrano una equa ripartizione dei settori produttivi del campione di aziende in Macchine, Beni di consumo e Servizi, con una prevalenza di PMI rispetto alla grande impresa.

Le aziende del territorio (nei settori considerati) sono altamente competitive con una spesa media del 1% del fatturato in R&D (fatturato complessivo delle 4 province nel 2015 di circa 34 Miliardi di euro, spesa di ricerca di circa 340 milioni di euro) , con una incidenza dei diritti di licenza brevettuale del 0.5% del fatturato. Questi numeri guardati rispetto al piano Calenda su Industria 4.0, indicano queste provincie come fortemente lanciate nella direzione giusta.

5% è il numero di PMI e Startup innovative presenti sul territorio, rispetto al numero totale italiano, di cui 30% a vocazione industriale. A dimostrazione ancora una volta di un territorio 4.0 in grado di pensare alla propria innovazione e rilancio del manifatturiero.

Lo studio completo è disponibile online: clicca qui per scaricarlo.

Articoli correlati

8 SET

Cisco il 30 settembre a Brescia organizza l’evento Digitalks

Digitalks si terrà alla Camera di Commercio nell’ambito di Supernova, il Festival dell’innovazione e della creatività. Cisco sbarca a Brescia con Digitalks, l'evento che prevede...

16 GEN

Ancona, 22 febbraio: secondo appuntamento di avvicinamento a SPS Italia 2017

Le 4 A del Made in Italy nel distretto marchigiano. Abbigliamento, arredamento, alimentare e automazione. La realtà marchigiana è di primaria importanza nel panorama industriale italiano,...

12 MAG

Comunicazione wireless continua, dal sensore alla rete

Da più di dieci anni, steute annovera gli interruttori wireless nella propria gamma di prodotti. Se prima i dati venivano inviati tramite connessione punto-punto ad una unità di analisi...