Il settore delle macchine ha registrato dati positivi per il 2016 che promette di confermare anche nel 2017. Questo è quello che emerge dall’esame dei dati resi noti da due delle principali associazioni di categoria, Ucimu - Sistemi per Produrre sulle macchine utensili e Ucima su quelle per il confezionamento e l’imballaggio.

Il mercato interno

Per quanto riguarda le macchine utensili, il valore della produzione del settore ha registrato nel 2016 una crescita del 5%, portandosi a quota 5.480 milioni di euro. Merito soprattutto della generale ripresa della domanda interna, che cresce complessivamente del 10,1% e arriva a quota 3.685 milioni, grazie anche agli incentivi governativi, superammortamento al 140% e Sabatini Ter in testa.

Nel caso delle macchine per il packaging, il fatturato del settore ha superato i 6.300 milioni di euro, contro i 6.197 milioni di fine 2015 (+1,7%). Determinanti anche in questo caso le ottime performance sul mercato italiano, che ha fatto registrare una crescita a doppia cifra (+10,4%) raggiungendo i 1.194 milioni di euro. 

L’export

Arretra invece l’export. Nel caso delle macchine utensili le vendite dei costruttori italiani all’estero registrano un calo del 3,3%. L’export per la prima volta rappresenta meno del 60% del fatturato complessivo. A incidere sono le situazioni di stallo in alcuni mercati chiave come la Cina (-9,7%), gli USA (-9,1%), la Russia (-60% per effetto dell’embargo) e il Regno Unito (-33%, si inizia a sentire l’effetto Brexit).

Nel caso delle macchine per il packaging le vendite oltreconfine restano stabili (-0,1% sul 2015 pari, in valori assoluti, a 4.997 milioni di euro). A incidere negativamente i rallentamenti in atto in tre importanti regioni: Medio Oriente e Asia (-7,6%) ed Est Europa (-4,5%). Tra i “worst performer” si annoverano Turchia (-19,6%), Cina (-47,2%), Algeria (-18,3%), Arabia saudita (-11,5%). Ancora in stallo inoltre il mercato brasiliano che cala del 38,5%.

Le prospettive per il 2017 

La crescita complessiva registrata nel 2016 proseguirà anche nel 2017.

Ucimu stima che il valore della produzione crescerà del 4% a quota 5.700 milioni di euro. Le (prudenziali) stime sul mercato interno prevedono una crescita del +6,9%, grazie agli incentivi previsti nella legge di stabilità. Tornerà inoltre a crescere anche l’export (+1,7%). In particolare torneranno a correre le vendite verso gli Stati Uniti.

Il mercato delle macchine per il packaging dovrebbe invece confermare il trend di crescita registrato nel 2016 (+2% circa). In questo caso Ucima è meno ottimista sull’export, mentre mostra fiducia sul prosieguo della crescita del mercato interno.

Tag tematici

Condividi



Articoli correlati

2 MAG

IMA riceve il Premio Leonardo Qualità Italia 2015

Premiata l’eccellenza italiana nel mondo. Nel corso di una cerimonia tenutasi nella splendida cornice del Palazzo del Quirinale, Alberto Vacchi, Presidente e Amministratore Delegato di IMA,...

23 FEB

Confronto tra eccellenze del manifatturiero marchigiano ad Ancona

Il 22 febbraio ad Ancona le eccellenze Made in Italy marchigiane si sono espresse nel corso della tavola rotonda “Le 4 A del Made in Italy nel distretto marchigiano: abbigliamento, arredamento,...

27 GIU

Macchine per il packaging, fatturato sopra i 6,6 miliardi

Il fatturato totale dell’industria italiana delle macchine per il confezionamento e l’imballaggio ha raggiunto quota 6,6 miliardi di euro nel 2016, con un incremento del 6,6% sul 2015. A...