2016 e 2017 a gonfie vele per i costruttori italiani di beni strumentali

Nel 2016 il fatturato dell’industria italiana costruttrice di beni strumentali è di 42,5 mld di euro, +3,5% rispetto all’anno precedente. +7,7% il consumo domestico.

Secondo i dati di consuntivo elaborati dal Gruppo Statistiche di Federmacchine, federazione delle imprese italiane costruttrici di beni strumentali, nel 2016 il fatturato dell’industria italiana costruttrice di beni strumentali si è attestato a quota 42,5 miliardi di euro, segnando un incremento del 3,5% rispetto all’anno precedente. 

Il risultato è stato determinato principalmente dal buon andamento delle consegne sul mercato interno, trainate dalla vivace domanda di beni di investimento: il consumo domestico è cresciuto del 7,7% a quota 21,5 miliardi.

Più moderato l’incremento dell’export, cresciuto dell’1,2% a quota 29,5 miliardi. Principali mercati di sbocco dell’offerta italiana sono risultati: Germania (3,2 miliardi di euro, +0,8%), Stati Uniti (2,9 miliardi di euro, -1,6%), Francia (2 miliardi, +8,5%) Cina (1,9 miliardi, -4,6%) e Spagna (1,2 miliardi, +10,7%).

Il 2017 all’insegna dell’iperammortamento

Positive le previsioni per il 2017 anche in virtù delle misure previste dal Piano Nazionale Industria 4.0: il 65% degli ordini già raccolti dai costruttori italiani di beni strumentali sul mercato domestico nel 2017 è stato acquisito in regime di iperammortamento e il restante 35% con il superammortamento.

Complessivamente la produzione crescerà del 4,1% a 44,3 miliardi. L’export salirà, del 3,1%, a 30,4 miliardi. Il consumo andrà oltre quota 22,5 miliardi (circa il 5% in più rispetto al 2016) trainando soprattutto le consegne dei costruttori italiani che saliranno, del 6,4%, a 13,8 miliardi. Crescerà comunque anche l’import, del 2,7%, a 8,8 miliardi.

 “Di fatto - ha affermato il Presidente Federmacchine Sandro Salmoiraghi - con il Piano Nazionale Industria 4.0, l’Italia si è dotata di un piano di politica industriale efficace. Sono pochi i paesi Europei a poter contare su un sistema di supporto e incentivi all’innovazione così strutturato.  Iper e Super-ammortamento, Nuova Sabatini, Credito d’imposta per le spese di Ricerca e Sviluppo, Patent Box, misure per le Start-up e le PMI innovative sono tutte misure che stanno funzionando bene. Rispetto ad un primo momento di timore dovuto alla necessità di comprendere e chiarire i termini delle misure le industrie italiane hanno dimostrato di apprezzare i provvedimenti contenuti nel piano e i dati di raccolta ordini sul mercato italiano lo confermano”.

Salmoiraghi ha inoltre definito “corretta e lungimirante la volontà del governo di attivare lo sviluppo di un grande piano nazionale per la formazione in chiave Industria 4.0. Ma ciò non è sufficiente. Occorre intervenire anche sulle politiche fiscali e contributive anzitutto con l’azzeramento del cuneo fiscale per i giovani neoasunti e una ulteriore riduzione per tutti gli altri”.

Articoli correlati

13 FEB

SPS IPC Drives Italia si avvicina

Donald Wich, Amministratore Delegato e Francesca Selva, Vice President Marketing & Events Messe Frankfurt Italia raccontano la sesta edizione di SPS Italia (Parma, 24-26 maggio). SPS è diventato...

28 AGO

Il punto sul Piano Industria 4.0

Il 19 settembre la cabina di regia su Industria 4.0 farà il punto sugli incentivi fiscali. Si deciderà in che misura rinnovarli o ampliarli. Alcune idee concrete sono già in esame....

19 MAR

Non solo industria: tecnologie 4.0 sempre più pervasive

Dalle tecnologie IoT applicate all'illuminazione della Cappella degli Scrovegni di Padova, un ingegnoso sistema pensato per adattare la luce artificiale al modificarsi delle condizioni ambientali e...