Smart Factory & Smart People 4.0

Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia

Sono ormai più di cinque anni che operiamo a stretto contatto con le aziende di automazione, fornitrici di componenti e sistemi o utilizzatori degli stessi, ma non finisco mai di stupirmi di quanto l'automazione ci accompagni nella vita di tutti i giorni. Tutte le volte che entriamo in un supermercato, in un’esposizione di mobili o in un negozio di abbigliamento, certamente non pensiamo ai processi produttivi che rendono reali i prodotti che acquistiamo.

La nostra scelta, la decisione d'acquisto, è dettata da condizioni basilari che diamo per scontate, dimenticandoci cosa significhi realizzare prodotti che possano soddisfare esigenze e aspettative. Senza voler ridurre l'importanza degli uomini nei processi produttivi, è innegabile che le macchine automatiche siano di grande aiuto e sempre più spesso fondamentali per ottenere la precisione e la competitività richiesta. Questi sono i concetti che ispirano la quarta edizione del FIMI – Forum Internazionalizzazione Made in Italy, realizzato quest’anno insieme a Elle Decor con l’intento di supportare le aziende che investono, producono e distribuiscono arredo, design e prodotti con rilevanza estetica.

Con questo partner d’eccellenza Messe Frankfurt Italia promuove l’Osservatorio di SDA Bocconi, che si pone lo scopo di studiare le realtà produttive, dall'artigianalità alle nuove tecnologie, per analizzare il fenomeno di "Industrie 4.0" e proporre soluzioni ottimali coniugando tradizione e visione del futuro. Questo progetto verrà presentato proprio in occasione del FIMI, a Milano, il 10 dicembre, presso l’Università Bocconi, e portato avanti per presentarne i risultati a distanza di un anno.

Si parla ancora poco di automazione, e soffriamo di una crescente mancanza di tecnici e di ingegneri esperti di progettazione, di installazione e di manutenzione delle macchine automatiche che sono e saranno sempre più presenti nelle nostre fabbriche. Con questa iniziativa ci auguriamo quindi di favorire la crescita anche nella formazione dei giovani su questi temi.