Stato e prospettive di industria 4.0: l'opinione dei visitatori di SPS Italia

Stato e prospettive di industria 4.0: l'opinione dei visitatori di SPS Italia

Evoluzione, progresso, efficienza, connettività, innovazione, prospettiva verso il futuro. Sono alcune delle parole che i visitatori di SPS Italia hanno utilizzato per definire Industria 4.0 ai microfoni dei ricercatori della School of Management del Politecnico di Milano.

Approfittando dell'occasione offerta dall'ultima edizione di SPS Italia, fiera di riferimento in Italia per l'automazione e il digitale per l'industria, la School of Management del Politecnico di Milano ha realizzato una serie di interviste mirate a indagare l'opinione dell'Italia manifatturiera su Industria 4.0.

Il montato è stato mostrato al pubblico in occasione della presentazione dell'Osservatorio Industria 4.0 avvenuta lo scorso 21 giugno in Assolombarda.

Definizione

La prima domanda è stata proprio quella legata alla definizione di Industria 4.0. I visitatori sono stati invitati a descriverne il significato in tre parole. "Evoluzione, progresso e efficienza", "Connettività, innovazione e prospettiva verso il futuro", "Controllo, gestione remota, innovazione" e "Connettività, raccolta dati e interfaccia uomo-macchina" sono state le triplette raccolte sul campo.

Utilità

La seconda domanda è stata indirizzata a comprendere l'effettiva utilità del Piano Nazionale Industria 4.0 per le aziende intervistate. Oltre a chi ha risposto che "è stato male interpretato dalle aziende italiane, che forse lo stanno scoprendo correttamente solo adesso", un visitatore ha detto che la sua azienda ne ha approfittato per "modernizzare i prodotti" e che rileva "un cambio di orientamento nella qualità e nell'applicazione di alcuni prodotti elettronici in automazione".

Il punto di partenza di industria 4.0

Alla domanda "Qual è secondo lei il punto di partenza di industria 4.0?" un visitatore ha risposto "implementare sistemi che aumentino la capacità di controllo e la possibilità di efficientare i processi produzione". Attenzione va posta, secondo un altro visitatore, al tema della connessione e delle reti.

Grandi imprese vs PMI

"Secondo lei grandi imprese e PMI dovrebbero approcciare in modo differente le tematiche di industria 4.0?"

A questa domanda le risposte sono state articolate. "La grande industria ha una visione orientata a un futuro anche lontano e ha la possibilità di fare investimenti di un certo tipo; però le piccole e medie imprese italiane sono molto molto aggressive, molto innovative e quindi alcuni casi sono anche più avanti di certe aziende grandi", ha detto un visitatore.

"La PMI ha sempre bisogno di vedere un ritorno sull'investimento abbastanza veloce, quindi quando fa un investimento deve capire che questo avrà un impatto positivo sul suo business", sostiene una visitatrice.

"Una differenza di tempi: le PMI secondo me sono sicuramente più veloci a modificare le loro strutture interne; le grosse strutture industriali sono più lente però nello stesso tempo riescono a recuperare il gap in tempi brevi perché hanno le capacità per investire, cosa che magari nella PMI è un pochino più complessa", spiega un altro visitatore.

Che cos'altro serve per fare industria 4.0?

All'ultima domanda "Oltre ai prodotti visti qui oggi in fiera che cos'altro serve per fare industria 4.0?" sono seguite risposte stimolanti.

"Tanta cultura e tanta formazione", spiega una visitatrice. "La tecnologia oggi non è un limite, nel senso che esistono tantissimi prodotti funzionali a industria 4.0 ed esistono da anni. Quello che manca è la conoscenza del tema. I nodi centrali sono la formazione e l'integrazione vera tra l'IT e l'automazione".

"Un cambio di mentalità e un aggiornamento dei cervelli di chi decide, anche dal punto di vista governativo", sostiene un secondo visitatore.

"Una semplificazione a livello burocratico per il nostro tessuto produttivo, una maggiore attenzione ad un piano industriale che determini delle linee guida e, naturalmente, formazione".

Articoli correlati

24 GEN

La sicurezza oggi Ŕ una questione di business continuity

Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia Sono ormai diversi anni che si parla di Internet of Things. Dalle automobili ai dispositivi medici fino ai termostati e alle lavatrici che...

21 DIC

Il futuro della fabbrica intelligente: anticipazioni e novitÓ di SPS IPC Drives Italia 2016

La fiera dell’automazione torna a Parma dal 24 al 26 maggio, con un’area dimostrativa che ci farà comprendere cos’è realmente l’Industria 4.0. Al Samsung District...

30 NOV

SPS IPC Drives conferma la sua solida collocazione internazionale

SPS IPC Drives 2016 ha mostrato ancora una volta la sua importanza nel mercato internazionale ponendosi come uno dei più importanti appuntamenti nell'industria dell'automazione. Dal 22 al 24...