Presentato il Piano nazionale Industria 4.0

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda hanno presentato a Milano il Piano Industria 4.0, che sarà inserito nella prossima Legge di Bilancio. Le misure hanno un orizzonte di medio termine e avranno effetto in parte già dal 2017, in parte nel periodo 2017-2020.

La prima novità è che “Tutto il piano è costruito su incentivi fiscali orizzontali - ha spiegato Calenda - l'azienda li attiva nel suo bilancio, non deve fare domanda e aspettare che qualcuno timbri”.

L’attuazione del piano sarà verificata da una Cabina di Regia di cui faranno parte Presidenza del Consiglio e sei Ministeri (Economia, Sviluppo economico, Istruzione, Lavoro, Politiche agricole, Ambiente), oltre a Università, centri di ricerca, Cassa Depositi e Prestiti, Confindustria e sindacati.

L’intervento si snoda su diverse direttrici, una delle quali prevede l’intervento pubblico: 900 milioni per la riforma e il rifinanziamento per il 2017 del Fondo Centrale di Garanzia; un miliardo per i contratti di sviluppo focalizzati su investimenti per Industria 4.0; 100 milioni per le catene digitali di vendita (Piano Made in Italy), lo scambio salario-produttività tramite incremento RAL e limite massimo agevolabile.

Complessivamente l'impegno pubblico sarà di 13 miliardi, considerando il costo che, nell'intero periodo 2018-2024, l'erario sosterrà per la copertura degli investimenti privati sostenuti nel 2017 oggetto delle iniziative Iperammortamento, Superammortamento e Beni Strumentali.

Il piano si pone l’obiettivo di stimolare 10 miliardi di investimenti privati aggiuntivi nel solo 2017; un incremento di 11,3 miliardi della spesa per ricerca, sviluppo e innovazione (periodo 2017-2020); 2,6 miliardi di maggiori investimenti privati “early stage” nel periodo 2017-2020.

Parte integrante del piano sono anche una parte relativa alle competenze e una sulle infrastrutture abilitanti.

Gli incentivi in pratica

Il piano prevede il rinnovo del superammortamento e un nuovo iperammortamento al 250% per i beni strumentali funzionali a Industria 4.0. Uno dei problemi lamentati dai Costruttori erano i tempi troppo stretti per l’evasione dell’ordine. Calenda ha quindi promesso che saranno estesi i termini per la consegna dei prodotti al 30/06/2018 previa conferma dell’ordine e versamento di un acconto almeno pari al 20% entro il 31/12/17.

Rimodulato il credito d’imposta per le spese in Ricerca, sviluppo e innovazione che sarà incrementale, portando anche l'aliquota della spesa interna al 50%, con un credito massimo che passerà dagli attuali 5 fino a 20 milioni di euro.

Per PMI e Start-up innovative sono previste detrazioni fiscali fino al 30% per investimenti fino a 1 milione. Le perdite dei primi 4 anni delle start-up potranno essere assorbite da società sponsor.

Altro incentivo è la detassazione dei capital gain su investimenti a medio/lungo termine.

La nascita di nuove imprese con focus sui temi di Industria 4.0 sarà agevolata anche dall’intervento della Cassa Depositi e Prestiti, che provvederà anche a istituire fondi di investimento dedicati all’industrializzazione di idee e brevetti ad alto contenuto tecnologico e fondi VC dedicati a start-up innovative.

La presentazione del Piano Industria 4.0 è disponibile online: clicca qui.

Articoli correlati

27 SET

SPS IPC Drives Italia partecipa a Cibus Tec

Anche quest'anno SPS IPC Drives Italia sarà presente a Cibus Tec, a Parma dal 25 al 28 ottobre. Uno dei principali eventi di riferimento per l’innovazione tecnologica nel settore...

12 MAG

Comunicazione wireless continua, dal sensore alla rete

Da più di dieci anni, steute annovera gli interruttori wireless nella propria gamma di prodotti. Se prima i dati venivano inviati tramite connessione punto-punto ad una unità di analisi...

17 MAG

Verso un’industria connessa (e sicura)

Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia  Gli attacchi cibernetici oggi non sono più opera di hacker “con il cappuccio”, ma un vero e proprio business in...