FAT e SAT virtuali, una garanzia di continuità per il cliente SACMI

Dal factory acceptance test da remoto alla capacità di predisporre un vero e proprio servizio di avviamento a distanza presso il cliente. Così SACMI guida la ripartenza sui mercati internazionali, affiancando i propri clienti in tutto il mondo.

Sensori, telecamere, realtà virtuale hanno trasformato l’accettazione tecnica degli impianti da remoto (FAT, factory acceptance test) da fantascienza a realtà. Con diversi contratti già firmati nei vari settori e business di attività, SACMI è in prima linea su questo fronte, con l’obiettivo di annullare ogni distanza tra cliente e fornitore.

Durante i test di accettazione, l’esperienza del cliente è totale: connessioni audio, video, estrazione dei dati in tempo reale dalle macchine consentono un’interazione rapida ed efficiente, con garanzia di risultato e soddisfazione del cliente. Così SACMI, al fianco dei propri clienti in tutto il mondo sin dalle prime fasi dell’emergenza, dimostra di essere pronta alla fase post-COVID, dove l’assistenza virtuale sarà sempre di più un elemento cardine sia in fase di progettazione, sia di avviamento e assistenza dopo la vendita.

Una sfida epocale – l’avviamento di una linea completa ed automatizzata a distanza – che dal factory acceptance test SACMI estende oggi al successivo SAT (site accceptance test), la fase, tipicamente delicata e complessa, che comprende il montaggio delle macchine nello stabilimento del cliente, il loro avviamento e collaudo. Formare passo-passo tecnici locali al corretto assemblaggio delle singole componenti, guidare personale – anche non necessariamente formato per la gestione di un particolare tipo di macchina – all’avviamento delle linee è la nuova frontiera dell’assistenza, agevolata dall’ampia diffusione delle nuove tecnologie 4.0.

Dopo alcuni casi di successo portati a termine proprio in queste settimane presso primari clienti internazionali, l’avviamento da remoto di linee complete ad elevata automazione si traduce in un pacchetto strutturato di soluzioni e procedure, che SACMI mette al servizio sia dei clienti che detengono spedizioni in situ (macchine e impianti SACMI che necessitano di montaggio e avviamento) sia, più in generale, dei clienti che, in questo nuovo scenario, condizionano i nuovi investimenti alla disponibilità di un partner unico, capace di virtualizzare tutte le fasi (spedizione, montaggio, avviamento e collaudo) con garanzia di risultato.

A guidare questo percorso, il principio di partnership, che consente a SACMI di lavorare al fianco dei propri clienti in questa sfida comune mettendo a valore gli investimenti realizzati in questi anni su nuove tipologie di macchine e impianti, dotati di sensoristica avanzata, capaci di comunicare tra loro e interagire con la piattaforma di assistenza remota. Compresi i nuovi pacchetti avanzati di assistenza anche in realtà virtuale, offerti dalla Divisione SACMI Customer Service e attualmente in sviluppo ai massimi livelli di innovazione.

Dopo i primi casi di successo di full remote SAT realizzati sul campo, SACMI manda un messaggio forte al mercato. Lavorare, insieme, sulle buone pratiche da seguire per accelerare la ripartenza, valorizzando le migliori competenze e know how in azienda e presso i propri clienti in tutto il mondo.

www.sacmi.it

Articoli correlati

21 MAR

EPLAN Innovation Tour- Standardizzare e semplificare la progettazione schemistica

In un mondo in continua evoluzione, dove i tempi di progettazione e costruzione di macchine e impianti sono sempre più stretti e i margini operativi sempre più compressi, è necessario...

16 FEB

Innovazione 4.0, i finalisti di Innovation Dream Engineering Award IDEA

Il concorso promosso dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano con InnoVits, SPS IPC Drives Italia, Bureau Veritas Italia, Innovation Post, Fondazione Italiana Accenture e Azimut....

18 APR

Fosber e DF Group, tute e mascherine per l'Italia

We love our customer we love our future Fosber ha chiesto supporto alla capogruppo DongFang Precision, con sede a Foshan, per la fornitura di 80mila mascherine per l'Italia.  Sin dal...