Collaborazione sicura tra uomo e robot

Collaborazione sicura tra uomo e robot

Robot&Co è uno dei due filoni tematici nei quali si articola quest'anno l'area Know how 4.0 di SPS Italia (padiglione 4): qui i fari saranno puntati sulle concrete applicazioni della robotica e della robotica collaborativa e sulla loro integrazione con l'automazione.

Tra i protagonisti di questo spazio esperienziale ci sarà una demo messa a punto da Pilz e Kuka che punta a mostrare dal vivo come sia possibile realizzare una fruttuosa collaborazione tra un cobot e un avanzato sistema di sicurezza.

L'applicazione in questione mette in mostra un semplice sistema di pick & place e confezionamento di cioccolatini. In un contenitore sono collocati quattro tipi diversi di cioccolatini; il cobot Kuka ne preleva uno, lo propone a un sistema di visione che ne identifica la tipologia e successivamente lo colloca nella giusta confezione.

Questa operazione è però solo la "scusa" per mostrare al pubblico l'integrazione tra due distinte tecnologie: quella del robot collaborativo, costruito per poter operare a contatto con l'uomo, e quella di SafetyEye, un sistema di visione composto da un PLC di sicurezza e una telecamera 3D montata a soffitto. SafetyEye riconosce la presenza di persone nello spazio d’azione del robot o l’avvenuto accesso in una zona con categoria di sicurezza elevata. I movimenti del robot vengono quindi rallentati o arrestati.

Che ragione c'è di utilizzare un sistema del genere in accoppiata con un cobot?

La risposta è presto detta: se è vero che i robot collaborativi sono costruiti per lavorare a stretto contatto con l'uomo, sono comunque in grado di arrecare danni all'operatore; possono infatti funzionare con diverse velocità e, in qualche caso, portare degli utensili pericolosi. A essere collaborativa e sicura, quindi, deve essere l'intera applicazione. Ecco quindi il motivo per cui è particolarmente utile integrare una tecnologia di sicurezza come quella proposta da Pilz per rendere le operazioni del cobot realmente sicure, riducendone la velocità (o arrestandolo) a seconda della presenza di un operatore nello spazio di lavoro.

L'applicazione proposta è governata in tutte le sue fasi da un PLC di sicurezza Pilz che, oltre a essere il "cervello" del sistema SafetyEye, gestisce anche le altre sicurezze della macchina e si interfaccia con il controllore del cobot.

Di prossima introduzione sul mercato sarà poi un nuovo prodotto di sicurezza Pilz denominato PSENmat: un "tappeto smart", la cui superficie è ricoperta di numerosi transponder, che è in grado di rilevare presenza e posizione di un operatore su una superficie. Il PSENmat renderebbe quindi possibile realizzare un'applicazione come questa utilizzando un tappeto al posto della telecamera 3D a soffitto.

www.pilz.com/it

Articoli correlati

15 APR

Il supporto di Biesse all'emergenza Coronavirus

We love our customer, we love our future Biesse Group, realtà che fa parte del Comitato Scientifico di SPS Italia, dona visiere di protezione individuale prodotte con stampante 3D e il centro...

10 OTT

Il genio e le macchine: appuntamento il 16 ottobre per capire l’Industria 5.0

Industria 4.0 non è ancora uscita dal centro del palcoscenico dell’innovazione del digitale, che già si comincia a parlare di una nuova fase, quella dell’Industria 5.0. Eppure...

6 APR

Industria 4.0, le aziende italiane sono pronte all’azione

Da un'indagine PwC le imprese italiane hanno compreso la rilevanza strategica degli investimenti in tecnologie per industria 4.0 e hanno in programma investimenti importanti nei prossimi anni. I risultati...