Dal prototipo al prodotto, nel futuro dell'industria c'Ŕ anche l'Additive Manufacturing

Dopo il successo dell'edizione 2019 di Formnext, la fiera che in pochissimi anni è riuscita a fare di Francoforte il punto di riferimento mondiale per chi vuole informarsi sulle ultime novità proposte nel settore della Stampa 3D e dell'Additive Manufacturing, è la volta dell'Italia.

Lo scorso 30 gennaio abbiamo organizzato a Milano una giornata dedicata alle opportunità offerte dalle tecnologie additive al settore manifatturiero, con particolare riferimento a tre ambiti applicativi: l'aerospaziale, l'automotive e le macchine automatiche.

Alla scoperta delle eccellenze italiane

All'appuntamento milanese, ospitato nell'aula magna della sede Bovisa del Politecnico di Milano, hanno partecipato oltre 200 persone, mostrando un interesse che ha superato le nostre aspettative. Anche io ho seguito con grande attenzione la giornata e ho potuto così approfondire la conoscenza di alcune eccellenze italiane come, ad esempio, quella dello stabilimento di Cameri, in provincia di Novara, dove vengono prodotte decine di migliaia di palette per le turbine degli aerei proprio con tecnologie additive.

Questa storia, insieme alle tante altre che sono state presentate, ci insegna due cose. La prima è che l'Italia è uno dei Paesi che si stanno mostrando più ricettivi nell'accogliere e sperimentare queste nuove tecnologie. La seconda è che l'additive manufacturing non è più solo una tecnologia adatta a realizzare prototipi, ma sta entrando – gradualmente – anche in produzione.

L'evoluzione continua

Naturalmente i tempi non sono maturi nello stesso modo per tutte le applicazioni: restano ancora numerose questioni aperte sulle quali ci aspettiamo, di qui a qualche anno, uno sviluppo completo sia delle tecnologie di produzione, sia dei materiali, sia delle tecniche di progettazione – un fattore quest'ultimo di fondamentale importanza per sfruttare appieno le opportunità offerte dall'Additive Manufacturing.

Per comprendere meglio ostacoli, benefici attesi e grado di maturità del mercato italiano abbiamo quindi deciso, con il supporto di esperti del settore, di mettere a punto uno studio i cui risultati presenteremo in un apposito evento che organizzeremo a ottobre.

Nel frattempo vi invito tutti a venire a settembre in fiera a Parma. Qui troverete non soltanto il meglio dell'offerta tecnologica, ma anche una galleria di applicazioni realizzate in Additive Manufacturing da scoprire in dettaglio e da cui trarre ispirazione.

Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia