EPLAN Innovation Tour- Standardizzare e semplificare la progettazione schemistica

EPLAN Innovation Tour- Standardizzare e semplificare la progettazione schemistica

In un mondo in continua evoluzione, dove i tempi di progettazione e costruzione di macchine e impianti sono sempre più stretti e i margini operativi sempre più compressi, è necessario affidarsi a nuove tecnologie e metodologie che assicurino un processo di progettazione ottimale e flessibile.

In risposta a queste esigenze e visto il successo dello scorso anno, EPLAN ripropone l’Innovation Tour, giornate formative itineranti per far conoscere agli addetti ai lavori il nuovo EPLAN Cogineer, per la progettazione automatica di schemi elettrici e fluidici.

Un'ottima opportunità per toccare con mano questa nuova tecnologia che, combinata con i benefici della Piattaforma EPLAN, porta tangibili vantaggi ai processi di ingegnerizzazione e all'organizzazione dell' azienda. 

In maniera interattiva si toccheranno i temi della progettazione elettrica, delle metodologie di standardizzazione degli schemi, della progettazione di quadri elettrici in 3D, dell'integrazione tra ufficio tecnico e officina, dello scambio di dati con ERP/PLM e molto altro ancora.

La partecipazione è gratuita. Le prossime date: 11 aprile Francavilla al Mare (CH) e 17 aprile Treviso.

Per informazioni e registrazioni, clicca qui.

www.eplan.it

Articoli correlati

16 MAG

Il futuro dell’integrazione tecnologica

Automazione e digitale per l’industria a Parma dal 23 al 25 maggio 2017. SPS IPC Drives Italia, un appuntamento imperdibile per chi opera nel mondo del manifatturiero e per chi cerca soluzioni...

24 FEB

Biesse ospita il Comitato Scientifico di SPS Italia

Per SPS Italia la qualità dei contenuti è al primo posto. Per questo sei anni fa, insieme con la fiera, è nato anche il ComitatoScientifico proprio con il compito di identificare...

3 MAR

Progettare in… ergonomia

In un’èra in cui in fabbrica sono sempre più protagoniste le macchine appare chiaro che il progettista non debba più porsi solo il problema delle tecnologie da utilizzare...