Un 2020 all'insegna dell'innovazione smart

Un 2020 all'insegna dell'innovazione smart

Si avvia a conclusione un anno particolarmente positivo per il gruppo Messe Frankfurt, che ha organizzato nel corso del 2019 oltre 420 manifestazioni chiudendo l'anno con una crescita dei ricavi e con il miglioramento significativo anche dell'utile e dell'EBITDA: risultati, questi, che sono stati resi possibili soprattutto da eventi focalizzati su temi di grande attualità come la sostenibilità, l’efficienza energetica e la mobilità, ai quali abbiamo dedicato diverse fiere e che hanno riscosso l'apprezzamento di espositori e visitatori.

Anche per Messe Frankfurt Italia l'anno 2019 è stato molto positivo. A chiudere le danze è stata, appena pochi giorni fa a Milano, l'ottava edizione del FIMI, il Forum dedicato all'internazionalizzazione del Made in Italy, che quest'anno ha puntato i fari sull'India, dopo i due anni dedicati alla Cina.

Ma il nostro 2019 si è caratterizzato soprattutto per il successo della nona edizione di SPS Italia, che ha richiamato a Parma oltre 41 mila visitatori professionali, e dei tanti altri eventi che abbiamo dedicato al mondo delle tecnologie abilitanti per la trasformazione digitale, dal nuovo Forum Industrial Software di febbraio alle tavole rotonde di avvicinamento a SPS che abbiamo organizzato a Como, Milano, Bologna e Torino, dal Forum sulla Visione Industriale di giugno fino ai due eventi su Meccatronica e Telecontrollo di novembre, tutti organizzati insieme ai gruppi di lavoro di ANIE Automazione, e insieme anche ad AiDAM nel caso di Smart Vision Forum.

Una buona chiusura, quindi, che è anche uno stimolo per il prossimo anno, quando – è il nostro impegno – faremo il possibile per rendere le nostre manifestazioni ancora più interessanti e ricche di contenuti.

Inizieremo subito, a fine gennaio, con la prima delle quattro tappe di avvicinamento a SPS Italia 2020: una tavola rotonda organizzata nella sede della Bovisa del Politecnico di Milano, proprio in quegli spazi dove stanno nascendo le strutture del Competence Center MADE. Qui, con l'aiuto di professori ed esperti, discuteremo di Additive Manufacturing e di come questo nuovo paradigma produttivo possa essere ormai considerato parte integrante dell'Industria 4.0.

E proprio la manifattura additiva sarà il quarto asse su cui si articolerà il District 4.0, l'area di SPS Italia dedicata alle innovazioni di frontiera, andando ad affiancare Meccatronica e robotica, Automazione avanzata e Digital e software. L'area dedicata alla manifattura additiva, sotto il motto Be smart, be additive, sarà supportata da Formnext, la fiera di riferimento in Europa su queste tecnologie organizzata da Messe Frankfurt.

E a proposito di SPS vorrei anche sottolineare l'importanza di un piccolo, grande cambiamento che è stato ufficializzato lo scorso novembre a Norimberga, in occasione della trentesima edizione della fiera "madre" di SPS Italia: il re-branding del logo e del nome, che da SPS IPC Drives diventa SPS (Smart Production Solutions). Un nome più semplice e smart che mette l'accento su un'offerta più ricca e mirata a offrire al visitatore la possibilità di trovare soluzioni al servizio di una manifattura sempre più intelligente.

L'edizione italiana della fiera ha avuto questo stesso focus sulle soluzioni sin dalla sua prima edizione del 2011 ed è quindi con grande piacere che accoglieremo il nuovo nome nella decima edizione di SPS Italia, dal 28 al 30 settembre 2020 a Parma.

Articoli correlati

20 NOV

SPS Italia, una fiera che cresce

A Milano, il 14 dicembre, la presentazione della nona edizione di SPS Italia e la Tavola Rotonda "Know-wow 4.0" con Fondazione Cariplo. Nella prima parte della mattinata, dedicata all'incontro con...

31 GEN

La filiera del tessile si incontra nel distretto comasco

I professionisti del comparto tessile hanno fatto il punto sulle sfide e le opportunità della digitalizzazione nei processi produttivi. Si è tenuta a Villa Erba, Cernobbio (Como)...

18 LUG

2017 positivo per il comparto dei beni strumentali

Nel 2017 il fatturato dell’industria italiana costruttrice di beni strumentali si è attestato a 46,6 mld di euro, un incremento del 9,7% rispetto all’anno precedente. Nel confronto...